Previdenziale > Archivio News martedì 3 dicembre 2019

INPS

Settore Edilizia, sgravio contributivo dell’11,50%

Confermato anche per il 2019 lo sgravio contributivo di 11 punti e mezzo, in favore di alcuni specifici datori di lavoro del settore edile.

Con circolare n.145 del 28 novembre 2019, l’INPS informa sulle modalità operative per il riconoscimento della riduzione contributiva a favore delle imprese edili, che, con decreto interministeriale 24 settembre 2019, è confermata all’11.50%.

Il beneficio consta in una riduzione dell’11,50% sui contributi dovuti per le assicurazioni sociali diverse da quella pensionistica ed è applicabile ai soli operai occupati 40 ore settimanali (non anche, pertanto, ai lavoratori a tempo parziale.)

Ne hanno diritto i datori di lavoro classificati nel settore industria con i codici statistici contributivi 11301, 11302, 11303, 11304 e 11305 e nel settore dell’artigianato con i codici statistici contributivi 41301, 41302, 41303, 41304 e 41305, nonché caratterizzati dai codici Ateco 2007 da 412000 a 439909.

L’agevolazione compete per i periodi di paga da gennaio a dicembre 2019

Si precisa che la detta agevolazione non trova applicazione sul contributo – pari allo 0,30% della retribuzione imponibile – previsto dall’art. 25, comma 4, della legge 21 dicembre 1978, n. 845, destinato al finanziamento dei fondi interprofessionali per la formazione continua.

La riduzione contributiva non spetta per quei lavoratori che beneficiano di specifiche agevolazioni contributive ad altro titolo e altresì non spetta nelle imprese interessate da contratti di solidarietà, limitatamente ai lavoratori ai quali è applicata la riduzione d’orario.

Le condizioni di accesso al beneficio sono:

- Possesso di DURC in regola
- Rispetto della normativa in materia di retribuzione imponibile (ex art. 1 comma 1 DL 9 ottobre 1989 n. 389), ossia la retribuzione da assumere come base per il calcolo dei contributi di previdenza e di assistenza sociale non può essere inferiore all'importo delle retribuzioni stabilito da leggi, regolamenti, contratti collettivi, stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative su base nazionale, ovvero da accordi collettivi o contratti individuali, qualora ne derivi una retribuzione di importo superiore a quello previsto dal contratto collettivo
- I datori di lavoro non devono aver riportato condanne passate in giudicato per la violazione della normativa in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nel quinquennio antecedente la data di applicazione dell’agevolazione (art. 36-bis, comma 8, DL n. 223/2006) 


Le istanze finalizzate all’applicazione della decontribuzione per l’anno 2019 dovranno essere inviate esclusivamente in via telematica utilizzando il modulo Rid-Edil, disponibile nel Cassetto previdenziale aziende, alla sezione Comunicazioni on-line - Invio nuova comunicazione. Le domande così presentate saranno sottoposte a controllo automatizzato e verranno definite entro il giorno successivo l’invio.
In caso di esito positivo, al fine di consentire il godimento del beneficio, sarà attribuito alla posizione contributiva interessata il codice di autorizzazione 7N, per il periodo da novembre 2019 a febbraio 2020; l’esito sarà visualizzabile all’interno del Cassetto previdenziale aziende. In ogni caso lo sgravio si riferirà al periodo che va da gennaio a dicembre 2019.

I datori di lavoro autorizzati alla fruizione potranno esporre lo sgravio nel flusso Uniemens con le seguenti modalità:

- il beneficio corrente dovrà essere esposto con il codice causale L206 nell’elemento <AltreACredito> di <DatiRetributivi>;
- per gli arretrati dovrà essere utilizzato il codice causale L207, nell’elemento <AltrePartiteACredito> di <DenunciaAziendale>.
- Nei casi di matricole sospese o cessate, il datore di lavoro interessato a recuperare lo sgravio per i mesi antecedenti la sospensione o la cessazione dovrà inoltrare l’istanza avvalendosi della funzionalità Contatti del Cassetto previdenziale aziende, allegando una dichiarazione conforme al fac-simile che si trova allegato alla circolare in oggetto (oppure reperibile qui); la Struttura territoriale competente, verifica la spettanza del beneficio e attribuisce il codice di autorizzazione 7N all’ultimo mese in cui la matricola era attiva. I datori di lavoro autorizzati alla riduzione contributiva secondo la modalità sopra descritta, ai fini della fruizione del beneficio spettante, dovranno avvalersi della procedura delle regolarizzazioni contributive (UniEmens/vig).
- Per gli operai non più in forza, i datori di lavoro potranno fruire del beneficio valorizzando nella sezione individuale del primo flusso Uniemens utile gli stessi elementi previsti per gli operai ancora in forza; ovviamente non saranno valorizzate le settimane, i giorni retribuiti e il calendario giornaliero. Sarà, invece, valorizzato l’elemento con il codice NFOR, che contraddistingue gli operai non più in carico presso l’azienda.

Il beneficio potrà essere fruito avvalendosi delle denunce contributive Uniemens fino al mese di competenza febbraio 2020. I datori di lavoro potranno inviare le domande per l’applicazione della riduzione contributiva relativa al 2019 fino al 15 marzo 2020.


Per ulteriori informazioni e/o chiarimenti si prega di contattare il Servizio Previdenziale di API Torino (tel. 011 4513.248).








  
contatta la redazione

Dai servizi

10/12/2019  -  Credito e Finanza

Agevolazioni per la difesa di marchi e disegni

03/12/2019  -  Tecnico

REACH

28/11/2019  -  Relazioni Internazionali

Certificati di Origine

19/11/2019  -  Relazioni Internazionali

Accordo di libero scambio Unione europea - Singapore

12/11/2019  -  Fiscale e Tributario

Crediti in compensazione

12/11/2019  -  Legale

Legge di Bilancio 2020

x

Contatta la Redazione


Ragione sociale*
Partita IVA
Nome*
Cognome*
Indirizzo
Località
Email*
Telefono*
Cellulare*
Messaggio: *